La Storia
“Il Castello e le colline che lo abbracciano sono luoghi carichi di storia e di suggestione, una storia da scoprire…”

Le origini del Castello


Un tempo esso si ergeva per difendere la zona circostante, come una vedetta su una delle principali arterie di epoca romana, la via Cassia Imperiale, che fu costruita dall’Imperatore Adriano nel 123 d.C.; oggi, incorniciato dal verde dei boschi e delle colline tipiche del Chianti, protegge come un bene prezioso il patrimonio delle sue vigne e dei suoi oliveti, che si sviluppano sui versanti della valle di Dudda, dal passo del Sugame, verso Lucolena ed il monte San Michele.
Il lungo corpo a forma di elle, il caratteristico torrione, al centro della facciata, l’antica merlatura guelfa, riportano alla mente dei visitatori le caratteristiche tipiche dei Castelli Medioevali ricchi di fascino e storia.

La struttura attuale


L’attuale Castello è stato edificato nel XVI secolo d.C.. L’edificio medievale originale venne saccheggiato, bruciato e distrutto alla fine del XV secolo, nel corso di una delle numerose guerre combattute in quel tempo, insieme alle case che lo circondavano. La cinta muraria venne quasi completamente smantellata lasciando in piedi solo la parte che sovrasta la valle,  visibile ancora oggi, a sostegno parziale dell’edificio edificato successivamente.

Il restauro


L’opera di ricostruzione ebbe inizio grazie ad uno dei membri della famiglia Canigiani, allora proprietaria della struttura. Successivamente fu acquistato dalla famosa famiglia Pitti, che lo mantenne per un lungo periodo, utilizzandolo come residenza di campagna. Dal 1897 è di proprietà della famiglia François ed è l’emblema dell’azienda, una delle tenute storiche del chianti classico.